Maldive, il green parte dalle scuole

E’ stata avviata la fase operativa del progetto I LOVE MY OCEAN dell’associazione oceania.international, finalizzato alla protezione del patrimonio ambientale dell’atollo di Ukulhas e delle isole e sandbanks limitrofi, che fanno parte del piccolo arcipelago. Un progetto di elevato valore ecologico che parte dalle scuole. Project leader è Stefania Urgesi, membro operativo dell’associazione, esperta di questioni ecologiche e ambientali, e attiva con varie iniziative di supporto umanitario.

Durante il mese di maggio, Stefania Urgesi svolgerà un ciclo di lezioni con i bambini delle classi primarie delle scuole di Ukulhas, ripercorrendo con loro e con le loro maestre le tappe per mantenere pulito l’ambiente: regole semplici, ma efficaci, perché i bambini sono il futuro e l’ambiente, nei prossimi anni, dipenderà interamente da loro e dalla formazione in ambito ecologico. Agli scolari maldiviani sarà fornito un vademecum (clicca per visualizzarlo) pratico con i comportamenti corretti da assumere nei confronti dell’ambiente, affinché siano un esempio anche per gli adulti. Un vademecum che indica – fra l’altro – i pericoli derivanti dall’abbandono della plastica negli oceani, una piaga dei nostri tempi, oggetto di studio – fra l’altro – di organismi tutt’altro che ambientalisti, come la Marina Militare Usa (Us Navy) che ha evidenziato il dramma che si sta consumando  negli oceani del pianeta  a causa dell’abbandono della plastica. I percorsi formativi con i bambini maldiviani sono ovviamente una piccola goccia nell’oceano, ma non dimentichiamo – come dice un antico proverbio maldiviano – che l’oceano è formato da tante piccole gocce.