Mandhoo Inn finanzia il programma Blue Atoll

MALDIVE, L'ECO-TURISMO CONTRIBUISCE A SALVARE L'OCEANO

Secondo il dossier presentato durante l’ultimo summit ambientale a Davos, in Svizzera, ogni anno finiscono negli oceani ben 8 milioni di tonnellate di plastica. Una gran parte è sotto forma di microplastica, viene ingerita dai pesci, arriva fino ai nostri piatti. Se non si inverte la rotta, entro il 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesci. Secondo il dossier degli specialisti, nei mari del mondo oggi ci sarebbero oltre 150 milioni di tonnellate di materie plastiche. A farne le spese sono gli esseri viventi. La plastica provoca il soffocamento e la menomazione delle creature marine e gravi danni alla salute dell’uomo. Oceania.international in collaborazione con The Mandhoo Inn e The Island Council dell’Atollo di Mandhoo (Maldive) ha deciso di dare il proprio contributo per invertire questa tragica rotta verso il disastro ambientale, prima che la situazione non sia più reversibile. Oceania promuove e sostiene quindi con la propria attività l’ecoturismo a Mandhoo, e in cambio il Lodge The Mandhoo Inn – unica guest house dell’isola – con il patrocinio dell’Island Council (l’autorità dell’isola) destina una quota economica mensile di 100 euro alla pulizia dei mari. Questa quota finanzia il programma The Blue Atoll grazie al quale un team di operatori locali raccolgono dalle acque dell’oceano le materie plastiche presenti, portate dalle correnti. Un impegno per limitare i danni provocati dall’uomo alla barriera corallina che soffre già per l’innalzamento globale delle temperature, fenomeno che ha provocato lo sbiancamento dei coralli a livello planetario. Mandhoo non è esente da questo fenomeno, ma l’assenza assoluta di turisti e un basso peso antropico (numero bassissimo di abitanti) hanno consentito di preservare nel tempo l’integrità e l’architettura fisica delle strutture coralline, che non sono mutilate e rovinate come su altre isole.